Home Ricerca Intimo godimento tutti i mie buchi sono tuoi

Dal mio verziere

Intimo godimento tutti 749510

Poesie di Cristina Bove. Da sempre dipingo, scolpisco, scrivo, leggo, tempo e famiglia permettendo. Da qualche anno non godo di buona salute, sono stata più volte sul punto di andarmene Sono grata a tutta quella fascia di umanità che non si arrende e continua a battersi per un futuro illuminato in cui tutti gli uomini possano esprimere sé stessi senza subire ingiustizie e discriminazioni. Leggi i racconti di Cristina.

Individualitа dico invece che. Emily Dickinson, Silenzi : Alla radice del verbo chiamare troviamo questi significati: muovere, chiamare; appoggiare in movimento. La citazione è, allora, un testo breve che punta a muovere chi ne resta colpito adatto piano emotivo e intellettuale. In questa pagina scriviamo alcuni frammenti che ci hanno fatto soffermare. L'elenco è caotico e frammentario: come dovrebbe sempre individuo una intenzione in itinere.

A chi sarebbe stato manifestato il autoritа del Signore? Non ha apparenza né bellezza per attirare i nostri sguardi, non splendore per provare in egli diletto. Il castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui; per le sue piaghe noi siamo stati guariti. Quando offrirà se stesso in espiazione, vedrà una casato, vivrà a lungo, si compirà per mezzo suo la volontà del Dominatore.

Intimo godimento tutti i 255200

This eBook is for the use of anyone anywhere at no cost and with almost no restrictions whatsoever. This file was produced from images generously made available by The Internet Archive. Ti ringrazio d'avere affettuosamente assentito ch'io scriva in fronte a questa antologia il tuo nome che è ciascuno dei vanti gentili d'Italia. A te, buona, qualcuno parrà anche dolce: come per me qualcuno, avvolto già nelle lontane luci del ricordo, ha dissipato il suo qualunque valore reale per acquistarne uno fantastico, inestimabile. Questo opuscolo contiene i documenti della nostra alleanza.

Zarathustra, Del leggere e dello scrivere I. Infatti là c'era una buona ansa, dove anche le navi straniere gettavano spesso l'ancora; e prendevano con lei tutti quelli che volevano traversare il mare dalle Isole Felici. È accaduto il tempo in cui potevano accadermi delle disgrazie e che cosa giammai potrebbe ora accadermi, che già non sia cosa mia? Ahimè, io devo scalare la mia strada più ardua! Ahimè, io ho iniziato il mio più solitario viaggio! Ma chi è della mia specie non fugge una tale ora: l'ora che gli dice: 'Ora soltanto tu percorri la comincia verso la tua grandezza! Cima e abisso sono ora una sola cosa!