Home Ricerca Mamma per latte munto coltivare la pazienza

Latte crudo alla stalla

Mamma per latte 240358

Nella sua accogliente cucina, dove davanti ad un grande e rustico caminetto sonnecchiano due mici, mi presenta i suoi genitori i quali, pur essendo occupati nel sistemare alcuni barattoli che troneggiano nella sala, mi accolgono benevolmente e rispondono con gentilezza e interesse alle mie domande. Ove possibile, in base alle peculiarità della frutta stessa, non vengono aggiunti zuccheri ma, al fine di aumentare la loro naturale concentrazione già presente nella polpa, il raccolto, prima di venire cotto in pentoloni ad induzione appositi, viene dolcemente appassito in un forno. Attesa che implica pazienza, ossequio nei confronti dei tempi della natura, e si traduce in adattamento alle esigenze necessarie alla vita, alla sua lenta e salubre crescita. Questa massima, investita della stessa importanza detenuta dagli ingredienti del contenuto del vasetto, conferisce al prodotto il suo giusto valore e si ha la consapevolezza, a quel punto, di tenere tra le mani non tanto qualcosa di fisico e tangibile ma quanto piuttosto qualcosa che va oltre la sua concretezza. In quei barattoli si cela una frazione di tempo, una piccola porzione di una fiaba grande come il mondo e dal mondo serbata che grazie alla convergenza di sudore umano e una natura propensa rende tutto questo possibile. In cascina ogni stagione ha le proprie caratteristiche, i propri colori, i propri ritmi.

Perché si comincia lo svezzamento? Perché dal sesto mese in poi gli alimenti solidi soddisfano quei bisogni nutritivi affinché il latte, da solo, non è più in grado di dare. Svezzamento: quando iniziare? Quali alimenti evitare, quali sono indispensabili e come gestire eventuali allergeni. La nuova modalità infatti si associa ad altri cambiamenti, non abbandonato in termini di competenze acquisite, bensм anche in termini emotivi.

Non sapendo più che altro fare l'ho avvolto in una coperta e l'ho messo in una cesta a anca del termosifone e sono andata a dormire, ero rassegnata al fatto affinché non avrebbe superato la notte. Invece stamattina alle 6 con mia grandissima sorpresa era ancora vivo Alle 2. Alle 5. Poi non so più come muovermi. Pensavo di mungere la madre quando torno dall'ufficio circa alle 7 e mezza e dargli il latte verso le Ma che bianco gli do? Non so cosa adoperare ne come comportarmi, nei parti precedenti non ho mai avuto problemi perchè si sono sempre occupati le madri dei piccoli Re: Aiuto